In questo sito si utilizzano cookie tecnici e cookie di terze parti legati a Google Analytics e alla presenza di Social plugin. Proseguendo la navigazione del sito acconsenti a loro utilizzo    >MAGGIORI INFO

Blog Title

Il PNRR punta sull’innovazione e la formazione dei docenti per digitalizzare il sistema educativo italiano. Scuola Futura, la nuova piattaforma per la formazione dei docenti, si presenta come una leva potente per favorire l’apprendimento. L’IA si profila come uno strumento promettente per ripensare l’approccio all’insegnamento in chiave digitale.
Proteggere i giovani dai rischi online senza limitare la loro autonomia è una sfida globale. Francia e Inghilterra adottano misure restrittive, ma la loro efficacia è dubbia. La questione solleva dibattiti su privacy, fiducia e sviluppo delle competenze digitali dei giovani.
L’IA sta entrando – ed entrerà sempre di più – nelle aule, e pertanto dirigenti e insegnanti devono iniziare a prepararsi all’uso di questo strumento, e capire quali possono essere i rischi, ma anche le innumerevoli opportunità per gli alunni. Tutto quello che c’è da sapere sul fronte privacy
Il Data Protection Officer nel caso dei trattamenti di dati personali di minori ha la funzione di rafforzare le garanzie per tale categoria di interessati emblematicamente fragili, svolgendo principalmente il proprio ruolo consulenziale, di informazione e di sorveglianza. Ecco perché si tratta di un compito fondamentale.
Unica offre in un unico punto di accesso, i servizi digitali per studenti e famiglie. Supporta, inoltre, gli alunni della secondaria nella fase di orientamento e li aiuta a fare scelte consapevoli e a far emergere i loro talenti. Tutto quello che s’è da sapere sugli strumenti a disposizione e la privacy
“Per le sedi delle istituzioni scolastiche, la valutazione dei rischi strutturali degli edifici e l’individuazione delle misure necessarie a prevenirli sono di esclusiva competenza dell’amministrazione tenuta, ai sensi delle norme o delle convenzioni vigenti, alla loro fornitura e manutenzione…”.
L’IA non può essere fermata, neanche nel contesto scolastico. Perciò è necessario trovare un equilibrio tra l’uso della tecnologia e l’importanza di una scuola che metta al centro i giovani studenti. Fare i conti con questa tecnologia e governare l’impatto che ha sul sistema scolastico è infatti l’unica via per conoscere, capire, sviluppare un approccio critico